Allenamento per diventare surfista

Articolo di Giovanni Marion (www.giovannimarion.it)

Il surf è una pratica sportiva classificabile fra le discipline aerobiche, cioè quelle attività fisiche che richiedono uno sforzo di media intensità, protratto per una durata di tempo abbastanza lunga, generalmente sopra un’ora. Per avvicinarsi al surf è quindi necessario innanzitutto migliorare la propria resistenza fisica su intervalli di tempo lunghi.

Corsa e nuoto

Le migliori discipline propedeutiche al surf sono quindi quelle aerobiche per eccellenza, la corsa di resistenza e il nuoto, le quali danno dei risultati elevati soprattutto se combinate insieme. Effettuare sessioni di corsa e di nuoto prima di dedicarsi al surf è particolarmente indicato nei casi in cui l’aspirante surfista provenga da un lungo periodo di inattività sportiva. Potremmo iniziare con un livello base a seconda del nostro grado di preparazione e cercare di migliorarlo nel corso delle settimane con gradualità e intelligenza, concedendo al nostro fisico i giusti periodi di riposo.

Quante volte?

2-4 volte alla settimana è la frequenza più canonica nelle pratiche sportive, 3 volte alla settimana è il giusto mix di allenamento e riposo per i dilettanti; 2 volte alla settimana è perfetto per i principianti assoluti, ma deve essere portato al livello successivo nel giro di 1 o 2 mesi; 4 volte alla settimana è già una frequenza che, se rispettata, ha un valore allenante, migliora cioè le nostre prestazioni in maniera considerevole.

Allenamento anaerobico in palestra

Detto questo, è bene non dimenticarsi anche dell’allenamento anaerobico, quello generalmente effettuato con i pesi in palestra. Questo perché il surf è anche uno sport di reattività, di contrazioni muscolari improvvise e di forza. Occorre quindi fornire al nostro fisico anche la giusta dose di potenza muscolare, soprattutto per evitare di incorrere in infortuni dovuti ad azioni muscolari veloci, l’incubo più ricorrente di ogni sportivo.

Forti del nostro allenamento propedeutico e liberi di sbizzarrirci in quanto dotati di un fisico che ci supporta in ogni situazione, dosare poi gli allenamenti collaterali ai nostri impegni sulla tavola da surf. Interrompere completamente le attività in palestra almeno una settimana prima dell’inizio di una competizione agonistica; non strafare nelle sessioni aerobiche e privilegiare sempre una sessione sulla tavola a discapito di una sessioni di allenamento in palestra, qualora fossimo costretti a scegliere fra le due.

In definitiva, il surf richiede il giusto mix fra forza e potenza muscolare, resistenza e flessibilità del corpo. È per questo che ogni tipo di allenamento dev’essere considerato importante e deve essere ben presente nella tabella del surfista. Ma è anche per questo che il surf è uno degli sport più completi ai quali possiamo dedicarci.